RASSEGNA STAMPA – I media che parlano di noi

“Navigare la ricerca”: AL CNR di Roma il secondo evento del Ciclo Internazionale “Modelling between digital and humanities”

By | Iniziative | No Comments

leggi sul sito di AISE

ROMA\ aise\ – Secondo appuntamento oggi a Roma del progetto “Modelling between digital and humanities: thinking in practice“, promosso da Volkswagen Stiftung e che vede come partner, tra le diverse università ed enti di ricerca europei, anche il Cnr ed in particolare l’Iliesi – Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee.
I linguaggi della ricerca. Parole e immagini” è il titolo del ciclo di eventi coordinati dalla responsabile scientifica Cristina Marras, che presenta Read More

I segreti dei papiri di Ercolano, èquipe al lavoro

By | Ricerca | No Comments

Visualizza PDF – 2016-06-09-Corsera-Canfora

Srotolare i papiri ercolanesi -ancorché carbonizzati e perciò tuttora inesplorati – è uno dei sogni ricorrenti degli studiosi del mondo antico. L’ipotesi che nella ercolanese «villa dei Pisoni» le biblioteche dei colti e ricchi proprietari fossero due, una greca e l’altra latina, e che dunque anche autori latini prima o poi dovessero Read More

Tradurre per capire

By | Pubblicazioni | No Comments

Visualizza PDF – 2016-05-08-Sole-Bodei

Tutto è destinato a perire, castelli e città, re e papi, solo i libri hanno il privilegium perennitatis: Saturno divora i propri figli, le civiltà sarebbero perdute, se Dio non avesse dato agli uomini i librorum remedia». Così sosteneva Riccardo di Bury, cancelliere di Edoardo III d’Inghilterra negli anni Trenta e Quaranta del Trecento. E John Florio, autore del primo dizionario Italiano-Inglese e traduttore Read More

TULLIO GREGORY: Translatio linguarum

By | Pubblicazioni | No Comments

Vai all’articolo sul sito di Ambiente Europa

La storia delle culture e delle idee può essere considerata una continua riscrittura e traduzione di precedenti esperienze: interpretazione, metamorfosi, trasposizione di testi e modelli da uno ad altro contesto geografico e linguistico.

In questa prospettiva, il saggio edito da LEO S. OLSCHKI mette in evidenza il valore delle traduzioni di testi scritti che Read More

Tradurre significa comprendersi Arabi e bizantini ce lo insegnano

By | Pubblicazioni | No Comments

Visualizza PDF – 2016-01-12-Corriere-Canfora

Il nesso tra parola e civiltà in un saggio di Tullio Gregory edito da Olschki,

La ricchezza degli scambi culturali nel secolo d’oro di Costantinopoli e Bagdad
di Luciano Canfora

Non vi è nulla di più sciocco della adozione del termine «Califfato» da parte dei banditi xenofobi e xenoctoni dell’Isis. Il vero Califfato, quello di Bagdad, con le sue diramazioni in Egitto, nel Nord Africa, nella Spagna meridionale, fu invece Read More

Renzi si è dimenticato della Ricerca

By | 2016 - Nomos Lex - XV Colloquio Internazionale | No Comments

Visualizza PDF 2016-01-07-Il Tempo-Irmici

di Pier Ernesto Irmici
Carl Schmitt, a distanza di circa quarant’anni, diede due diverse e opposte risposte per giustificare la sua adesione al nazismo: nel 1933 affermò che aderì perché, riferendosi al «nomos», era conseguente alla sua appartenenza a un popolo e a un territorio, quello germanico, nel 1973, invece, richiamandosi alla Read More

Oggi si parla l’Inglesorum

By | Osservatorio Neologico delle Lingua Italiana | No Comments

Visualizza PDF – 2015-12-15-Avvenire-Gambassi

di Giacomo Gambassi

Monitor, media, server, audit, bonus, video, tutor, plus…Grazie a parole inglesi derivate soprattutto dalla tecnologia, si diffonde nel nostro idioma  il fenomeno del «latino di ritorno»: con paradossali dubbi di pronuncia…Parlano gli esperti linguisti

E’ inglese o latino? La domanda sorge spontanea quando ci imbattiamo in parole come media, audit, monitor, server ma anche plus o junior. Soprattutto se si sente pronunciarle all’anglosassone: così media diventa “midia”, audit si trasforma in “odit”, plus viene Read More

Le “nuove parole”

By | Osservatorio Neologico delle Lingua Italiana | No Comments

Intervista a Giovanni Adamo coord.Osservatorio Neologico della Lingua Italiana

Se ci fermassimo ad ascoltare, oggi, le conversazioni fra nonni e nipoti, capiremmo subito come sono cambiati i tempi e come i tempi hanno cambiato non solo le mode, ma anche il linguaggio. <2.1resto perché sono entrate a far parte del nostro lessico comune parole nuove, neologismi, che si sono radicati ormai nella nostra cultura. A che cosa si deve tutto questo? Innanzitutto non possiamo non prendere in considerazione la velocità dello sviluppo scientifico e tecnologico e, Read More

Carlo Lorenzetti – Segno e Parola

By | Iniziative | No Comments

Visualizza il LINK sul sito dell’Accademia Nazionale di San Luca

L’Istituto per il Lessico Europeo e Storia delle Idee (ILIESI) del Consiglio nazionale delle Ricerche (CNR), fondato e diretto da Tullio Gregory fino al 2007, festeggia quest’anno i 50 anni di attività scientifica con una mostra dedicata al Maestro Carlo Lorenzetti, scultore incisore ed autore di alcune tavole originali dedicate a momenti significativi della storia dell’Istituto: I colloqui Internazionali. I colloqui nati nel 1974 e organizzati con cadenza triennale sono dedicati ogni volta ad un tema di particolare interesse filosofico. Lorenzetti ha realizzato il primo manifesto nel 1986, il tema era Phantasia-Imaginatio e da allora la collaborazione del Maestro con l’ILIESI è stata continuativa. L’iniziativa vuole proporre al pubblico l’ininterrotto dialogo tra arte, filosofia e cultura, tra segni grafici e linguistici attraverso un percorso in cui, oltre alle opere del Maestro, i visitatori hanno accesso ai documenti, alle banche dati e agli archivi digitali dell’ILIESI. La mostra pone al centro la parola come crocevia di lingue e culture e il segno come veicolo della storia e della cultura europeo-mediterranea. Segno e parola, nelle intenzioni del Comitato scientifico che ha sostenuto il progetto vuole essere anche un’occasione per riflettere su quella storia delle idee che hanno attraversato tutto il Novecento e che molto hanno contribuito alla storia della critica dell’arte fornendo strumenti e chiavi di lettura dell’opera d’arte contemporanea. Dodici manifesti, più l’ultimo inedito realizzato per i 50 anni dell’ILIESI, trentasei disegni, ventisei bozzetti, due sculture sono visibili al primo piano di Palazzo Poli fino al 31 maggio.

Guarda il VIDEO